Il Blog delle 13lune

I sensi e i 12 segni Zodiacali: la Vergine

vergineI sensi e i 12 segni Zodiacali: la Vergine 
l’Astrologia Kabbalistica considera che in natura ci siano n.5 sensi attivi e n.7 sensi passivi.

I sensi attivi sono quelli che noi attiviamo verso l’esterno per percepire le sfumature di madre natura e sono: la vista, l’udito, l’olfatto, il gusto e il tatto.
I sensi passivi sono quelli che noi percepiamo dall’esterno per svelarci come noi ci confrontiamo con madre natura influenzando il nostro mondo interiore e sono: il parlare, il riflettere, l’andare, l’agire, il dormire, l’adirarsi e il ridere.

La Vergine e il senso passivo dell'“Agire”.
Il senso dell’agire consiste nella capacità di trasformare con il duro lavoro qualcosa che possa essere di servizio per gli altri. Ciò che fa essere unici i nati nel segno della Vergine è proprio l’eccellente connessione che in maniera unica e mercuriale riescono ad attuare nel trasformare le idee in realizzazioni concrete, la conoscenza intellettuale in sostegno di servizio, la teoria in pratica, le erbe officinali in medicina, è braccio al servizio della mente.
La capacità del senso dell’agire si esprime anche nel saper attirare le persone adatte intorno ad uno scopo comune, armonizzando il senso dell’azione con la capacità organizzativa, rendendo il lavoro da adempiere più efficiente e strutturato per il bene comune.

Counselling evolutivo per l’anima:  il duro lavoro, sapiente, abitudinario, organizzato e ben curato è ciò che fa la ricchezza di un castello, di un ufficio e di una casa, senza il quale ogni cosa cadrebbe alla prima volata di vento avverso.
Ma sappi altresì che il perdersi nella meticolosità del duro lavoro, sapiente, abitudinario, organizzato e ben curato è il rovescio della stessa medaglia che ti imprigiona nel non far ricchezza!

Lettura del tema natale astrologico kabbalista e ghematrico di @maurizio whasapp +39 329 800 7810

I sensi e i 12 segni Zodiacali: il Leone

leoneI sensi e i 12 segni Zodiacali: il Leone
l’Astrologia Kabbalistica considera che in natura ci siano n.5 sensi attivi e n.7 sensi passivi.

I sensi attivi sono quelli che noi attiviamo verso l’esterno per percepire le sfumature di madre natura e sono: la vista, l’udito, l’olfatto, il gusto e il tatto.
I sensi passivi sono quelli che noi percepiamo dall’esterno per svelarci come noi ci confrontiamo con madre natura influenzando il nostro mondo interiore e sono: il parlare, il riflettere, l’andare, l’agire, il dormire, l’adirarsi e il ridere.

Il Leone e il senso passivo dell'“Udito”.
L’ascolto ci mette in contatto con il parere degli altri e, per i nati nel segno del Leone ciò è particolarmente importante dato che permette loro di non strafare. Il Leone è il segno della potenza, del comando e dell’autorità. Se non si mette in ascolto con gli altri riconoscendone i loro veri bisogni presto si trasformerà in spietato dittatore irraggiando ombra anziché luce. Come autorevole monarca, presidente, dirigente egli è tenuto ad emanare luce nel suo popolo, nel suo team, facendosi portavoce dei loro bisogni. L’udito è capacità ricettiva e, quindi, trasforma i monologhi in dialoghi costruttivi di amore consapevole dei desideri altrui.

Counselling evolutivo per l’anima:  ascolta gli altri prima di te stesso in modo che nel tuo essere irraggiante di luce, alla stregua del sole, tu possa godere nel dare e nell’irraggiare, per far crescere e prosperare ciò che ti circonda. Solo così, con il ritorno di luce specchiata negli altri, la tua anima riflessa sarà grata a se stessa e agli altri sentendosi appagata e ricompensata di ricchezza e grazia.

Lettura del tema natale astrologico kabbalista e ghematrico di @maurizio whasapp +39 329 800 7810

I sensi e i 12 segni Zodiacali: il Cancro

cancroI sensi e i 12 segni Zodiacali: il Cancro
l’Astrologia Kabbalistica considera che in natura ci siano n.5 sensi attivi e n.7 sensi passivi.

I sensi attivi sono quelli che noi attiviamo verso l’esterno per percepire le sfumature di madre natura e sono: la vista, l’udito, l’olfatto, il gusto e il tatto.
I sensi passivi sono quelli che noi percepiamo dall’esterno per svelarci come noi ci confrontiamo con madre natura influenzando il nostro mondo interiore e sono: il parlare, il riflettere, l’andare, l’agire, il dormire, l’adirarsi e il ridere.

Il Cancro e il senso passivo della “Vista”.
La Vista tra tutti i sensi attivi è forse quello più fuorviante per l’anima soggettiva del segni del Cancro. Gli occhi possono ingannare la vista, ma non l’occhio sensibile dell’anima. Con le energie del segno del Cancro dobbiamo imparare a veder chiaro e, per vedere chiaro, il solo guardar con gli occhi non basta, è necessario unire alla vista le emozioni per far emergere l’immaginazione che fortemente può influenzare la realtà che ci circonda. La rettificazione della potenza immaginativa della realtà che desideriamo realizzare è ciò che siamo tenuti a compiere nel percorso della nostra vita.
La pittura è una professione da cieco: uno non dipinge ciò che vede, ma ciò che sente, ciò che dice a sé stesso riguardo a ciò che ha visto. [cit. Pablo Picasso]

Counselling evolutivo per l’anima:  guarda, osserva, scruta attentamente ciò che ti circonda, ma stolto sarà colui che guarderà, osserverà e scruterà solo con gli occhi, poiché sta vivendo a metà la sua vita! Integra il cuore con gli occhi dell’anima e la tua vista sarà presto colma di doni!

Lettura del tema natale astrologico kabbalista e ghematrico di @maurizio whasapp +39 329 800 7810

I sensi e i 12 segni Zodiacali: i Gemelli

gemelliI sensi e i 12 segni Zodiacali: i Gemelli
l’Astrologia Kabbalistica considera che in natura ci siano n.5 sensi attivi e n.7 sensi passivi.

I sensi attivi sono quelli che noi attiviamo verso l’esterno per percepire le sfumature di madre natura e sono: la vista, l’udito, l’olfatto, il gusto e il tatto.
I sensi passivi sono quelli che noi percepiamo dall’esterno per svelarci come noi ci confrontiamo con madre natura influenzando il nostro mondo interiore e sono: il parlare, il riflettere, l’andare, l’agire, il dormire, l’adirarsi e il ridere.

I Gemelli e il senso passivo dell' “Andare”.
Qui è presente il senso del cambiamento e del muoversi tanto caro al segno del Gemelli. Con instancabile sete di cambiamento, gira di porto in porto alla ricerca della giusta dimora dove poter maturare e metter fine al girovagare, godendo di quiete e saggezza accumulata dall'esperienza. Ricongiungendo, in quella dimora scelta, la completezza della parte di anima con l’animus visibile nel glifo che li rappresenta doppi.
I suoi viaggi, il suo andare non sono espressione di instabilità, quanto la spasmodica ricerca di una completezza con se stesso e, dunque, con l’ambiente e le persone che gli stanno intorno, per raggiungere la sua unione alchemica.

Counselling evolutivo per l’anima: Girovaga come vagabondo, contatta, scambia, disseta la tua curiosità e come Mercurio vivo non fermarti fin tanto che a temperatura, ti sentirai sazio e savio. E solo in quell’attimo fermati in quella dimora che senti tua dentro e fuori di te!

Lettura del tema natale astrologico kabbalista e ghematrico di @maurizio whasapp +39 329 800 7810

Diventare un uomo medicina

uomo medicina“Sono finalmente diventato un uomo medicina con sedici anni di ritardo rispetto al dovuto. All’inizio ho avuto un sogno sacro che non voleva svanire. Era davanti a me, dietro di me, tutto intorno. Non riuscivo a vivere bene o a dormire come si deve, non riuscivo a mangiare bene. Ero ossessionato: avevo sognato che celebravo la Danza del Sole e che ero l’unico danzatore. Nella tradizione Lakota, quando si ha una visione sacra bisogna seguirla, ma io non volevo farlo, anzi, mi sforzavo in ogni modo di evitarlo. Odiavo la mia visione perché nei primi anni di scuola, da bambino, era stato allevato dai missionari gesuiti che ci avevano inculcato l’idea che la tradizione indiana, soprattutto i rituali e le cerimonie della Pipa fossero un insieme di rituali pagani: "E’ l’adorazione pagana, adorazione del diavolo" e noi eravamo così piccoli che ci credevamo e ci credevo anch’io.
Per questo per sedici anni ho fatto tanta fatica, lottando per allontanarmi dal mio sogno e per dimenticarlo. Per dimenticare lavoravo come un matto, per stancarmi fisicamente e poi dormire la notte. Qualche volta bevevo e mi ubriacavo per dimenticare il sogno sacro, ma quando i fumi dell’alcool svanivano, il sogno era ancora lì, non voleva saperne di sparire. Alla fine non ne potei più e pensai tra me: "Farò soltanto una cosa, una sola cosa che fa parte del sogno sacro, parteciperò alla Danza del Sole".

Continua a leggere

I sensi e i 12 segni Zodiacali: il Toro

toroI sensi e i 12 segni Zodiacali: il Toro
l’Astrologia Kabbalistica considera che in natura ci siano n.5 sensi attivi e n.7 sensi passivi.

I sensi attivi sono quelli che noi attiviamo verso l’esterno per percepire le sfumature di madre natura e sono: la vista, l’udito, l’olfatto, il gusto e il tatto.
I sensi passivi sono quelli che noi percepiamo dall’esterno per svelarci come noi ci confrontiamo con madre natura influenzando il nostro mondo interiore e sono: il parlare, il riflettere, l’andare, l’agire, il dormire, l’adirarsi e il ridere.

Il Toro e il senso passivo del “Riflettere”.
C’è un pensiero riflessivo che precede la parola e l’azione e c’è un pensiero riflessivo che segue la parola e l’azione. Il Toro rimugina tantissimo e può essere preda dell’indugiare e della pigrizia se il suo riflettere non segue la parola e l’agire, viceversa può esprime le sue più belle qualità.
Non attenzionare il pensiero riflessivo al puro materialismo del possesso perché sarà la tua parte ombra a pensare, attiva il pensiero riflessivo che risiede nel tuo cuore e sarà luce che vibrerà all’unisono con l’amore di Venere!

Lettura del tema natale astrologico kabbalista e ghematrico di @maurizio whasapp +39 329 800 7810

La malattia dal punto di vista spirituale

fantasy 231

Chi opera in una dimensione spirituale sa bene che la malattia rappresenta uno stato di squilibrio causato dal fatto che molto spesso ci dimentichiamo chi siamo.
Questa mancanza di ascolto verso di noi ci porta a condurre uno stile di vita non sano e alla fine ci ammaliamo per questo.
La malattia può essere un segnale per farci ricordare chi siamo e quindi che dobbiamo riprendere in mano la nostra esistenza e cercare di fare ciò che ci fa stare bene ascoltando ciò che sentiamo.
Scoprire “il significato” della malattia potrebbe essere la chiave per evolvere, ma prima dobbiamo comprendere il “messaggio” che ci sta comunicando.
La malattia è strettamente collegata a ciò che viviamo interiormente.

Continua a leggere

Copywrite®2018-2021 Associazione Culturale "Le 13 lune" - Site by NILODEPIAN - graphics & web designer